Home 5 Informatica 5 DOS e Azure: una soluzione ibrida per un servizio migliore

DOS e Azure: una soluzione ibrida per un servizio migliore

Perchè scegliere un approccio ibrido

Abbiamo già parlato dei numerosi vantaggi del servizio di Public Cloud di Microsoft Azure, per questo è interessante vedere questo sistema applicato ad una metodologia ibrida. Gli standard elevati di questo prodotto permettono alti livelli di performance, contenendo le informazioni nel cloud e aggiornando i software aziendali in maniera autonoma. Bisogna però ricordare come i livelli di privacy offerti da un sistema di data center siano maggiori, specialmente per quanto riguarda le informazioni sensibili.

In una struttura privata è consigliabile conservare i dati critici grazie all’alto livello di controllo da parte dell’organizzazione di riferimento. Le aziende si assumono la responsabilità la responsabilità della gestione sobbarcandosene i costi di manutenzione del sistema operativo, che spesso risultano piuttosto onerosi. Per permettere ai clienti una riduzione dei costi, DOS Group propone un’offerta di hosting presso un data center di ultima generazione alimentato da energie completamente rinnovabili.

Qual è la soluzione migliore?

Ad oggi non esiste una risposta definitiva per ogni singola realtà, le società di consulenza informatica raccomandano di ottimizzare le prestazioni adottando una metodologia ibrida, denominata hybrid cloud. DOS Group fornisce una soluzione intermedia tra le economie di scala offerte dal Public Cloud e le garanzie di sicurezza dei centri di elaborazione dati.

Il sistema ibrido presenta numerosi vantaggi:

  • La condivisione fra infrastrutture on-premises e off-premises
  • Una aumentata facilità di utilizzo
  • L’elaborazione dei big data in tempo rapido
  • Riduzione del carico di lavoro sul reparto IT
  • Flessibilità per il futuro, adatta a rispondere alle fluttuazioni della domanda e a oscillazioni del mercato
  • Un ampio portafoglio di funzionalità applicative che favorisce l’accesso alle risorse

FLASH NEWS

DOS Group come formatore delle nuove generazioni

In un periodo in cui il tasso di disoccupazione ha raggiunto i minimi storici dall’introduzione della libera circolazione delle persone del giugno 2002 (2% a giugno 2022), la situazione economica post pandemica migliora di giorno in giorno; tuttavia, nel settore informatico di nostra competenza si riscontra sempre più una mancanza di personale qualificato.

leggi tutto

Il telelavoro dopo la pandemia

Secondo uno studio svolto da un’azienda attiva nella ricerca, il 90% dei responsabili delle risorse umane delle imprese interpellate nel mondo continuerà a permettere, almeno a livello parziale, il lavoro da remoto anche dopo la fine dell’emergenza da coronavirus.

leggi tutto